Lo stato ecologico dei fiumi italiani e il bilancio idrico nazionale

da | 16 Nov , 2018 | Smart Governance

Quasi la metà (43 per cento) dei corsi d’acqua italiani ha uno stato ecologico classificato come ‘buono’ (38 per cento) o ‘elevato’ (5 per cento). Mentre solo il 15 per cento ha uno stato che puo’ essere definito ‘scarso’ o addirittura ‘cattivo’ (3 per cento).

Presentazione Stati Generali Tevere BIO ACAS

Sono questi i dati che ha presentato Stefano Laporta, presidente di Istituto per la protezione dell’ambiente (Ispra) all’incontro organizzato dall’Autorità distrettuale di bacino dell’Appennino Centrale nell’ambito del Rapporto sugli Stati Generali del Tevere. Uno degli elementi di maggiore criticità emersi e sottolineati da Laporta è il fatto che per il 16 per cento dei corsi d’acqua non abbiamo dati a sufficienza che ci permettano di conoscere la qualità degli ecosistemi. La maggior parte di questi si trovano in Basilicata, in Calabria e in Sicilia. Nel corso della sua presentazione, Laporta ha anche introdotto un nuovo strumento. I ricercatori dell’Ispra hanno infatti sviluppato una procedura automatica in ambiente GIS, denominata BIGBANG, per la stima mensile delle componenti del bilancio idrologico a scala nazionale. 

Immagine di Archivio

All rights reserved

Presentazione Stati Generali Tevere BIO ACAS

Il punteggio