“Nel terzo trimestre del 2018, la stima tendenziale delle emissioni dei gas serra prevede un leggero aumento rispetto all’anno precedente, pari allo 0,4% a fronte di una crescita del PIL pari a 0,8%”, lo spiega in un comunicato l’Istituto Superiore per la protezione e per la ricerca ambientale che ha il compito di monitorare la quantità di gas ad effetto serra sono emesse dal nostro paese.

“Si conferma – si legge nella nota – in generale il disaccoppiamento tra l’andamento delle emissioni e la tendenza dell’indice economico, anche se rispetto al trimestre precedente, per la prima volta dopo diversi anni, si riscontra che ad una riduzione del PIL è associato un incremento delle emissioni di gas serra”.

L’aumento segnalato è principalmente dovuto ai “settori dei trasporti (1,7%), per un maggior consumo di gasolio per il trasporto su strada (3,1%) e del riscaldamento (1,6%). La produzione di energia registra, invece, una riduzione (-1,0%) determinata, prevalentemente, dalla riduzione complessiva della produzione di energia termoelettrica” conclude Ispra.

Maggiori dettagli sulla metodologia e i dati di emissione sono disponibili sul sito dell’ISPRA al seguente indirizzo web: http://www.sinanet.isprambiente.it/it/sia-ispra/serie-storiche-emissioni/stima-trimestrale-delle-emissioni-in-atmosfera-di-gas-serra/view

Il punteggio